Presso il Centro Oncologico e di Ricerca delle Marche è attiva la Prostate Unit, un gruppo multidisciplinare che si occupa della gestione dei pazienti affetti da tumori urogenitali e formato dai seguenti professionisti:

 

RECAPITI

mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. 

 

 

COORDINATORE
Prof. Andrea Benedetto Galosi
Direttore
Clinica Urologica Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona, Università Politecnica delle Marche
Via Conca 71
60126 Ancona - Italy
Telefono: 071-5963361
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Medici referenti
Dott. Lucio Dell’Atti - Prof. Giulio Milanese

CLINICA ONCOLOGICA
Direttore
Prof.ssa Rossana Berardi
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Medici Referenti
Dott. Luciano Burattini
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

ANATOMIA PATOLOGICA E CITOLOGIA 071-5965786
Direttore
Prof. Marina Scarpelli
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Medici Referenti
Prof. Rodolfo Montironi - Dott.ssa Alessia Cimadamore
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

CLINICA DI RADIOLOGIA 071-5964091
Direttore
Prof. Andrea Giovagnoni
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Medici Referenti
Dott. Andrea Agostini

MEDICINA NUCLEARE 071-5964129
Direttore
Dott. Luca Burroni
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

RADIOTERAPIA 071-5964842
Direttore
Dott.ssa Giovanna Mantello
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Medici Referenti
Dott. Francesco Fenu
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

Introduzione

I tumori urogenitali sono neoplasie derivanti dalle cellule vie escretrici o dell’apparato genitale che comprendono quindi al loro interno varie entità molto diverse per incidenza, eziopatogenesi, tumorigenesi e prognosi.  In questo senso, a sottolineare la grande eterogeneità di queste patologie, mentre ad esempio il carcinoma della prostata costituisce la neoplasia più frequente nella popolazione maschile italiana arrivando a rappresentare il 20% di tutti i nuovi tumori diagnosticati ogni anno a partire dai 50 anni di età, il tumore a cellule germinali è la neoplasia più comune negli uomini al di sotto di tale limite di età.    

Lo stesso dicasi per i loro fattori predisponenti. Stante che alla base dello sviluppo di ogni neoplasia c’è l’interazione tra fattori genetici/predisposizione individuale ed ambiente, un ruolo importante è sicuramente quello dell’obesità e della sedentarietà che in generale sono fattori favorenti uno stato di flogosi cronica, il danno cellulare e di conseguenza la cancerogenesi.

Per quanto concernente i carcinomi uroteliali, è ormai nota l’influenza delle infezioni urinarie croniche e dell’esposizione prolungata alle ammine aromatiche come benzidina e 2-naftilamina che è di solito legata a fattori lavorativi, mentre è comune anche al carcinoma renale il fumo di sigaretta. Fattori di rischio esclusivi delle neoplasie renali sono invece malattie croniche come l’ipertensione arteriosa o anomalie genetiche come il rene policistico o la sindrome di Von Hippen-Lindau. Entrando più nello specifico, il tumore a cellule germinali è prevalentemente correlabile o a malattie genetiche ereditarie come la Sindrome di Klinefelter o ad alterazioni dei processi di sviluppo dell’apparato genitale come il criptorchidismo. I pazienti con anamnesi positiva per questa patologia hanno inoltre un rischio più elevato di un secondo tumore sul testicolo controlaterale. Il carcinoma prostatico è strettamente legato all’età anagrafica ed alla stimolazione ormonale da parte degli androgeni.

Fattori protettivi comuni a queste così come a molte altre neoplasie sono invece identificabili nell’attività fisica ed in uno stile di vita sano con una dieta ricca di frutta e verdura di tipo mediterraneo.

Il PDTA e come funziona la PROSTATE-unit

Il gruppo multidisciplinare della Prostate Unit, che si occupa della diagnosi e della cura dei tumori urogenitali, è formato da professionisti che collaborano per poter garantire, nei tempi più rapidi possibili e con i minori disagi, tutte le procedure necessarie al miglioramento della salute delle pazienti con tumore urogenitale accertato o sospetto.

Il team è composto da urologi, radiologi e radiologi interventisti, anatomopatologi, medici nucleari, oncologi, radioterapisti ed infermieri e, attraverso l’insieme delle esperienze e delle conoscenze specifiche di tutti questi professionisti, mira ad offrire un’assistenza globale fondata sulle migliori evidenze cliniche scientifiche tarate sulle necessità e sulla storia clinica del singolo paziente.

Lo scopo del PDTA aziendale è quindi di garantire un percorso di cura strutturato in cui venga garantita la continuità assistenziale durante le diverse fasi di trattamento (diagnosi/ trattamento/follow-up), tenendo conto degli aspetti (medici/infermieristici/psicologici/economici/organizzativi) che caratterizzano la gestione dei tumori urogenitali.

Il gruppo si riunisce settimanalmente a cadenza regolare ormai dal 2018 e costituisce una realtà ormai affermata e ben collaudata all’interno degli Ospedali Riuniti di Ancona.